Avviare un allevamento Canino Come?

17.11.2016

Iniziamo questo viaggio alla scoperta di come aprire un allevamento di cani definendo l’importanza dell’amore per gli animali e la necessità di acquisire una professionalità non improvvisata.

La gestione di un allevamento è un’opera difficile ed impegnativa che prevede una notevole mole di lavoro e passione.

I cani sono animali da amare e rispettare e non sono solamente un business commerciale.

Senza una passione profonda, il lavoro di allevatore è sconsigliabile.

Per iniziare, dobbiamo distinguere le due categorie esistenti in Italia. La legge del 23 Agosto del 1993 regolamenta gli allevamenti canini differenziandoli in amatoriali e professionali.

La prima categoria è rivolta a coloro che non possiedono più di 5 fattrici e non producono più di 30 cuccioli all'anno. In questo caso l’attività è considerata amatoriale e non prevede l’iscrizione al registro delle imprese.

Nonostante l’amatorialità dell’attività, le leggi sanitarie per un adeguato mantenimento degli animali sono attive e da rispettare.

Se l’allevamento supera queste quote, l’allevatore canino è considerato a tutti gli effetti un imprenditore agricolo professionale.

In ogni caso, i cani devono avere accesso ad un’area di svago regolamentata per legge che permette il normale e corretto sviluppo dell’animale.

Ogni nuovo cucciolo dovrà necessariamente essere registrato presso l’Anagrafe Canina Regionale, essere munito di microchip.

 

DIVENTARE ALLEVATORE CINOFILO
 

Un amore sincero per i cani è essenziale ma non sufficiente per avviare un allevamento amatoriale o professionale . In qualsiasi caso, prima di intraprendere qualsiasi azione relativa all'allevamento canino, è necessario investire in formazione per non incorrere in errori pratici gestionali che potrebbero rovinare anche le migliori intenzioni.

Anche se il mestiere di allevatore non prevede brevetti e certificazioni, è consigliabile farsi guidare da allevatori esperti e veterinari qualificati.

Ecco perché affidarsi ad un'associazione Cinofila all'avanguardia che oltre a registrare le nascite e trascriverne le genealogie, guidi gli allevatori a fare controlli indicati per la razza scelta, e ne controlli i risultati in manifestazioni di bellezza organizzate per verificarne le attitudini cinognostiche.

Per avviarsi alla professione, un buon punto di partenza è studiare cenni di biologia e genetica dei cani, con particolare attenzione ad aspetti di veterinaria.

Un allevatore responsabile deve garantire alti standard di pulizia, di corretta somministrazione di vaccini, di cure e gestione dell’alimentazione.

Il fine ultimo del lavoro dell’allevatore è la riproduzione di cani di razza sani, selezionandone i tratti migliori, evitando pericolose malattie e disturbi nel comportamento.

L’allevatore deve imparare a selezionare i migliori esemplari da far riprodurre e generalmente è necessario specializzarsi in poche razze per aumentare l’esperienza e la buona riuscita di tutta l’operazione.

ICBD guida i suoi allevatori sin dall'inizio e li prepara con corsi di professionalizzazione proprio per tutelare le razze canine ed evitare la nascita di problemi.

Please reload

Altre News

Campagna tesseramenti 2020

November 5, 2019

1/10
Please reload

Articoli Recenti

October 25, 2019

October 4, 2019

August 20, 2019

August 1, 2019

Please reload

© I.C.B.D. tutti i diritti sono riservati

Visitatori

Segreteria Nazionale     081 18658122 - +39 371 1195477