La Storia del Pit Bull.............

21.07.2016

 

Sul pit bull sono stati versati fiumi di inchiostro. Alcuni miti sono propagandati dalla stampa, per vari interessi. Uno di questi è che il pit bull è il risultato di un progetto genetico nato per creare un cane killer. Altro mito è che il pit bull è un incrocio dal temperamento instabile e pericoloso. La verità è molto più semplice.

Gli antichi molossi

I primi cani di tipo molossoide hanno origini remote ed erano usati dagli Assiri sia in guerra che per la caccia di grossi animali; erano caratterizzati dalle dimensioni imponenti, dalla forte presa mascellare e dal muso corto. Durante il VI secolo a.c. i molossi orientali giunsero in europa per mezzo dei traffici commerciali dei Fenici e grazie alle loro caratteristiche si diffusero rapidamente.

 

Vennero usati negli anfiteatri romani in combattimenti contro tigri, leoni e persino elefanti; muniti di una corazza si rivelarono molto efficaci anche in guerra. I romani esportarono i molossi nei territori conquistati e quando giunsero in Inghilterra, i molossi romani, incrociati con i cani dell’isola, diedero origine a cani ancora più forti e feroci e quindi ancora più adatti a combattere negli anfiteatri.
In Inghilterra l’evoluzione del molosso proseguì dando origine a Bandog e Alaunt: due grossi cani usati anche come “cani da macellaio” per condurre il bestiame e dai guardiacaccia contro i bracconieri.

Il Bulldog

Secondo la tradizione nella primavera del 1209 Lord Stamford assistette dal suo castello ad un combattimento particolarmente cruento: mentre due tori stavano lottando per una femmina, i cani di un macellaio assalirono uno dei due contendenti e dopo un sanguinoso combattimento (che agli occhi del lord apparve estremamente spettacolare) lo uccisero. Il lord donò quel terreno alla corporazione dei macellai e volle che ogni anno venisse organizzato un combattimento tra cani e tori; da allora, e fino al XIX secolo questo tipo di combattimenti ebbe larga diffusione e fu apprezzato da diverse classi sociali.
Il termine Bulldog comparve per la prima volta nel XVII secolo e indicava il cane utilizzato contro i tori; si trattava di un cane simile al Pit Bull odierno: più leggero degli antichi molossi, dotato di una testa grande e un muso leggermente più allungato, molto resistente allo sforzo e al dolore, estremamente ubbidiente ed attaccato al padrone.

Il Bull Terrier

Quando nell'ottocento i Bulldog vennero incrociati con i Terrier inglesi si ottenne il Bull Terrier, un cane molto potente e tenace che si dimostrò estremamente adatto ai combattimenti tra cani e allo sterminio dei ratti.
Il Bull Terrier diede origine a due razze diverse a partire dalla fine dell’ottocento, quando con l’avvento delle esposizioni canine alcuni allevatori iniziarono a selezionare Bull Terrier rispondenti a precise caratteristiche morfologiche, mentre altri continuarono la selezione nel tentativo di ottenere il combattente perfetto e la distinzione tra Bull Terrier e il nuovo cane, a cui venne dato il nome di Pit Bull Terrier (pit in inglese significa: buca, fossa, arena) si fece sempre più marcata.

Il Pit Bull Terrier

Il Pit Bull Terrier che andava delineandosi era un cane di media taglia, aveva un collo potente e muscoli posteriori molto sviluppati , aveva la presa micidiale del Bulldog, l’agilità del Terrier, il forte temperamento e l’insensibilità al dolore degli antichi molossi.
Il Pit Bull Terrier combatteva in modo diverso e molto più efficace dei suoi predecessori: era dotato di maggiore intelligenza e senso tattico ed invece di tenere la presa ad ogni costo come il Bulldog, cambiava bersaglio al momento opportuno risultando devastante nell’arena.

L’ American Pit Bull Terrier (A.P.B.T.)

Grazie alla sua diffusione in Inghilterra il Pit Bull Terrier giunse negli U.S.A. molto rapidamente e venne usato in ogni tipo di combattimento proprio come era stato in Inghilterra. Dal punto di vista morfologico il Pit Bull americano aveva subito un notevole aumento di taglia rispetto al Pit Bull Terrier  inglese da cui aveva avuto origine pur mantenendo invariate le caratteristiche tipiche della razza.
Il fenomeno dei combattimenti venne contrastato con forza a partire dal 1856,quando nello stato di new york vennero proibiti i vari tipi di combattimenti fra animali. La lotta al mondo dei combattimenti venne portata avanti anche dal presidente Theodore Roosevelt (che possedeva un Pit Bull Terrier), ma pur ridimensionando il fenomeno non riuscì a fermarlo del tutto.
La selezione dei Pit Bull utilizzati nei combattimenti continuò nella clandestinità e senza registri ufficiali fino al 1898, anno in cui venne istituito l’ U.K.C. (United Kennel Club),che accettava le iscrizioni dei Pit Bull nei suoi registri e fissava il nome della razza in American Pit Bull Terrier (A.P.B.T.).
l’United Kennel Club  fin da subito vede con favore i combattimenti tra cani. Così il Bloodlines Journal dell’UKC inizia a pubblicare le date e i risultati degli incontri (cosa che prima faceva la Police Gazette).
Dopo la morte del fondatore, però, l’UKC, prende le distanze dai Pit Bull da combattimento.

 

Nasce così, nel 1909, l’A.D.B.A.(American Dog Breeders Association), che a differenza dell’U.K.C. per quasi un secolo non accettò di registrare altre razze oltre l’ A.P.B.T., almeno fino alla recentissima decisione di aprire i propri registri anche ad altre razze.

Staffordshire Bull Terrier e American Staffordshire Terrier

Negli anni trenta il cane da combattimento inglese il Pit Bull Terrier ottenne il riconoscimento ufficiale da parte dell’English Kennel Club (EKC) con il nome di Staffordshire Bull Terrier, per differenziarlo dal Bull Terrier inglese.
Nello stesso periodo alcuni allevatori degli american pit bull terier (A.P.B.T.) ottennero il riconoscimento della razza da parte dell’American Kennel Club (A.K.C.) associazione che registrava cani per le esposizioni.


Per prendere le distanze dal mondo dei combattimenti il nome scelto per registrare i Pit Bull del tipo (A.K.C.) fu Staffordshire Terrier, che nel 1972 divenne American Staffordshire Terrier, più semplicemente chiamato Amstaff.

L’American Staffordshire Terrier è stato infine riconosciuto dalla F.C.I nel 1985 e il 9 Luglio dello stesso anno fu pubblicato lo standard.
Insomma cosa dire una storia di evoluzione della selezione stessa, un cane che ha visto nascere molti kennel club e mutarsi la denominazione più volte.

Please reload

Altre News

Invitiamo i signori allevatori a provare...

January 4, 2020

1/10
Please reload

Articoli Recenti

December 5, 2019

October 25, 2019

October 4, 2019

August 20, 2019

August 1, 2019

Please reload

© I.C.B.D. tutti i diritti sono riservati

Visitatori

Segreteria Nazionale     081 18658122 - +39 371 1195477